CENA MAROCCHINA ORGANIZZATA DALLA PRIMARIA DI VIANO ALUNNI E GENITORI SPERIMENTANO COUS COUS E TE' ALLA MENTA

di Isabella Valcavi

Le insegnanti della scuola primaria di Viano, capitanate dalla responsabile di sede Daniela Morotti, hanno organizzato una cena marocchina il 3 dicembre scorso.
La casetta degli alpini è stata così trasformata in un ristorante marocchino, con tanto di tappeti, divani, lanterne e tatuaggi all’henné...
Numerose le prelibatezze che sono state preparate da Kadija Mansuor che vive ormai da circa vent'anni con il marito e il figlio a San Giovanni di Querciola, dove è molto amata e stimata.
In questi anni è stata spesso invitata nelle scuole dell'istituto comprensivo di Baiso- Viano per far conoscere la cultura e le tradizioni del Marocco.
La cena marocchina che ha preparato ha previsto diverse pietanze: zuppa harira, cous cous con carne e verdure, pane arabo, tè alla menta e caffè speziato accompagnato da dolci tipici. Tra le autorità presenti, il dirigente dell’IC Toschi Fabio Bertoldi, il sindaco Giorgio Bedeschi accompagnato dall’assessore alla scuola Nello Borghi.
Questa serata ci ha fatto comprendere che il modo migliore per avvicinarsi ad una cultura è la cucina.
Proprio così: l'integrazione si impara anche a tavola! Queste iniziative sono molto importanti, perché ci permettono di conoscere altre culture attraverso le loro tradizioni culinarie.
La presenza di alunni stranieri nella scuola italiana è una realtà in constante aumento.
Per questo motivo, la scuola si fa promotrice di attività culturali con lo scopo di far conoscere le culture di altri popoli e promuovere una sana convivenza civile.