L’istruzione e la formazione sono le armi più potenti che si possono utilizzare per cambiare il mondo. (Nelson Mandela)

Tu sei qui

Versione stampabileVersione PDF

BES – Bisogni Educativi Speciali

L’espressione “Bisogni Educativi Speciali” (BES) è entrata nel vasto uso in Italia dopo l’emanazione della Direttiva ministeriale del 27 dicembre 2012 “Strumenti di intervento per alunni con Bisogni Educativi Speciali e organizzazione territoriale per l’inclusione scolastica“.

La Direttiva stessa ne precisa succintamente il significato: “L’area dello svantaggio scolastico è molto più ampia di quella riferibile esplicitamente alla presenza di deficit. In ogni classe ci sono alunni che presentano una richiesta di speciale attenzione per una varietà di ragioni: svantaggio sociale e culturale, disturbi specifici di apprendimento e/o disturbi evolutivi specifici, difficoltà derivanti dalla non conoscenza della cultura e della lingua italiana perché appartenenti a culture diverse”.

L’utilizzo dell’acronimo BES sta quindi ad indicare una vasta area di alunni per i quali il principio della personalizzazione dell’insegnamento, sancito dalla Legge 53/2003, va applicato con particolari accentuazioni in quanto a peculiarità, intensività e durata delle modificazioni. Nei settori che seguono sono stati raccolti materiali e documentazioni, sia prodotti dalla Direzione Generale dell’Ufficio Scolastico Regionale per l’Emilia-Romagna sia da Enti esterni, che possono fornire alle istituzioni scolastiche e alle famiglie un supporto alla conoscenza dei vari problemi raccolti sotto l’acronimo BES e all’attuazione di interventi didattici maggiormente mirati ed efficaci (dal sito dell'Ufficio Scolastico Regionale per l'Emilia Romagna).

Strumenti per il Piano Didattico Personalizzato

Il Piano Didattico Personalizzato è un contratto fra docenti, Istituzioni scolastiche, istituzioni sociosanitarie e famiglia per individuare e organizzare un percorso personalizzato nel quale devono essere definiti i supporti compensativi e dispensativi necessari alla realizzazione del successo scolastico degli alunni con DSA e/o ADH.

Gli alunni che presentano Disturbi Specifici di Apprendimento e/o Disturbi da Deficit di Attenzione e Iperattività, sono gli studenti che pur in situazione di integrità cognitiva, trovano difficoltà a seguire il normale piano di studi e richiedono una personalizzazione dello stesso come previsto già dalla normativa precedente alla legge 170 (Legge 53 del 2003/Indicazione per il Curricolo 2007). Per questi alunni è prevista la stesura un Piano Didattico Personalizzato (PDP). Si precisa che il PDP è uno strumento diverso dal PEI: ° PEI: previsto dalla L. 104/92 per gli alunni con disabilità consente di predisporre una programmazione individualizzata e/o differenziata. ° PDP: C.M. n. 4099 del 5/10/2004, C.M. 28/05/2009, C.M. n. 4089 del 15/06/2010, L. 170 del 8/10/2010, DM n°5669 del 12/07/11 consente di diversificare le metodologie, i tempi e gli ausili didattici per l'attuazione della programmazione curricolare prevista per la classe di appartenenza, modalità didattiche personalizzate con attività di recupero individualizzate.

Risorse per i docenti

Disabilità: elenco della documentazione prodotta dall'Istituto Comprensivo (a cura dell'IC Toschi Baiso)

Elenco generale del materiale per il sostegno diversabili (a cura dell'IC Toschi Baiso)

Diversabilità: informazioni e documenti che regolano le prassi dell'Istituto Comprensivo (a cura dell'IC Toschi Baiso)

Modello Piano Didattico Individualizzato per alunni con DSA (a cura dell'IC Toschi per l'a.s. 2016-2017)

Modello Piano Didattico Personalizzato (a cura del Distretto Scolastico)

Piano Didattico personalizzato per alunni con DSA (a cura dellI'C Toschi Baiso)

Piano Didattico personalizzato per alunni con BES (a cura dell'IC Toschi Baiso)

Guida alla compilazione del PDP

Protocollo continuità per alunni con disabilità (a cura dell'IC Toschi Baiso)

Modello PEI (Piano Educativo Individualizzato - versione pdf)

Scheda di passaggio dalla Scuola dell’Infanzia alla Scuola Primaria (a cura dell'IC Toschi Baiso)

Scheda di passaggio dalla scuola dell'Infanzia alla Scuola primaria (a cura dell'IC Toschi Baiso)

Scheda di passaggio dalla Scuola Primaria alla Scuola Secondaria I grado (a cura dell'IC Toschi Baiso)

Scheda di passaggio dalla Scuola Primaria alla Scuola Secondaria I grado (a cura dell'IC Toschi Baiso)

Linee guida per il diritto allo studio degli alunni e degli studenti con DSA (a cura del MIUR)

Piano per lìinclusione scolastica. Materiali e proposte per la formazione dei docenti a.s. 2013.2014 (nota dell'USR Emilia Romagna)

A scuola di dislessia: 3 incontri per conoscere, capire, intervenire (a cura di Isabella Valcavi)

Modello Piano Didattico Personalizzato Primarie (a cura dell'AID)

Modello Piano Didattico personalizzato Secondarie ( a cura dell'AID)

Piccola Guida per insegnanti (convegno Dislessia e dintorni, Rivoli 2007)

Risorse per i genitori

Leggere i DSA con Piperita Patty (a cura di Enrico Angelo Emili)

Guida di sopravvivenza per le famiglie (a cura di Enrico Angelo Emili)

Tecnologie per DSA (a cura dell'USP Vicenza)

Piccola guida per i genitori (a cura di: www.dislessiainrete.org)

Diamoci una mano (a cura del forum: http://www.dislessia.org/forum/index.php)

Software per iPad (A cura di, Enrico Angelo Emili - Referente DSA per l’Ufficio Scolastico Regionale Emilia Romagna)

Il Disturbo da Deficit di Attenzione e Iperattività - definizione

Link Utili

Pagina dedicata a cura dell'USR Emilia Romagna

Dislessia e lingue - Convegno Università degli studi di Modena e Reggio Emilia (video)